News Marketing del 30 Giugno 2020 by Fabio Antichi

Google-free-listings-on-Search-product-knowledge-panel

🍀 Non ci sono pause nelle news 😅
Piccole e grandi rivoluzioni in corso 😛😛

✅ Google risultati shopping gratis anche in serp di ricerca
✅ Google spiega come funziona la ricerca di YouTube
✅ Google utilizza l’analisi dei sentimenti?
✅ Google Search Console e Analytics in un unico rapporto
✅ La creazione di contenuti di LinkedIn è aumentata del 60%
✅ Google posizionato per dominare “l’economia O2O”
🥜 Come funziona Tinder: l’algoritmo segreto dell’amore
✅ Google pagherà gli editori su Google News
✅ Microsoft sospende la spesa pubblicitari su Facebook e su Instagram.
✅ TripAdvisor, Yelp e altri mettono in evidenza la sicurezza del luogo,
✅ Cerchi la fonte originale di un’immagine online?
✅ YouTube vuole fermare l’ascesa di TikTok e testa i video da 15 secondi

🤩 Dubbi domande e sopratutto il Tuo punto di vista è sempre benvenuto!
Grazie mille!😛

👀


Google spiega come funziona la ricerca di YouTube
Google spiega come funziona la ricerca di YouTube in una nuova risorsa dedicata al funzionamento interno della piattaforma di condivisione video.
Google ha creato un sito Web completamente nuovo, chiamato How YouTube Works, che offre uno sguardo approfondito a tutti i componenti della piattaforma YouTube.
Ricerca YouTube
Il sistema di classificazione delle ricerche di YouTube ordina oltre 500 ore di contenuti caricati ogni minuto per trovare i risultati più pertinenti per una query.
La ricerca di YouTube dà la priorità a questi tre elementi principali quando classifica i suoi risultati di ricerca:
rilevanza
Fidanzamento
Qualità
rilevanza
L’algoritmo di ranking di YouTube esamina molti fattori nel determinare la pertinenza.
Senza essere troppo specifici, YouTube sottolinea fattori come il titolo, i tag, la descrizione e i contenuti video stessi.
Fidanzamento
L’algoritmo di ricerca di YouTube incorpora segnali aggregati di coinvolgimento degli utenti, come il tempo di visione di un determinato video per una determinata query.
L’azienda rileva che i segnali di coinvolgimento sono anche un modo prezioso per determinare la pertinenza.
Qualità
Per determinare la qualità, YouTube utilizza segnali che dovrebbero essere molto familiari ai marketer di ricerca.
“Infine, per qualità, i nostri sistemi sono progettati per identificare segnali che possono aiutare a determinare quali canali dimostrano competenza, autorevolezza e affidabilità su un determinato argomento.”
Competenza, autorevolezza e affidabilità sono anche conosciuti tra i marketer della ricerca come EAT.
Dovrebbe essere familiare perché Google sottolinea l’importanza di questi segnali anche per i suoi risultati di ricerca.
Altro fattore: personalizzazione
Oltre ai tre fattori principali sopra indicati, YouTube cerca anche di determinare la pertinenza per ciascun utente tenendo conto della ricerca e della cronologia visualizzazioni di un utente.
“Ad esempio, se guardi molti video sportivi e cerchi” cricket “, potremmo raccomandare i video che presentano il cricket sportivo piuttosto che i video sulla natura con al loro interno”.
Google spiega come funziona la ricerca di YouTube
La ricerca e la cronologia visualizzazioni di YouTube possono essere cancellate in qualsiasi momento, nel qual caso i risultati di ricerca di YouTube non terranno conto di questi segnali.
Raccolta di fonti autorevoli
YouTube fa notare che dà la priorità ai contenuti provenienti da fonti autorevoli quando è opportuno farlo.
Ciò può includere categorie di contenuti come notizie, politica e informazioni mediche o scientifiche.
In quelle aree, la credibilità è la chiave.
In altre aree, come la musica o l’intrattenimento, è più probabile che YouTube guardi segnali come pertinenza, freschezza o popolarità.
Molti segnali vengono presi in considerazione nel determinare quali video raccomandare, come ad esempio:
Guarda e cronologia ricerche
Canali iscritti a
Posizione
Ora del giorno
Quante persone hanno guardato un video fino al completamento
Feedback diretto degli utenti tramite sondaggi casuali
Gli utenti possono mettere a punto i loro consigli facendo clic sul pulsante “non interessato”, che dirà a YouTube di non raccomandare video simili in futuro.
https://www.searchenginejournal.com/google-explains-how-youtube-search-works/373189/
https://www.youtube.com/howyoutubeworks/

Molti dicono che Google utilizza l’analisi del sentiment per classificare le pagine web. Questi sono i fatti.
L’acquisizione di informazioni può essere compresa utilizzando l’elaborazione della PNL per estrarre entità e conoscenze su di esse e ciò può portare a una determinazione dell’ottenimento di informazioni.
Il sentimento è un valore che non riflette necessariamente la quantità di informazioni che un articolo potrebbe portare a un argomento.
Il sentimento positivo o negativo non riflette la quantità di conoscenza presente e aggiunta a un argomento.
Mi aspetterei che Google desiderasse una certa quantità di diversità quando si tratta di sentiment, quindi se prendessero in considerazione il posizionamento basato su di esso, non mostrerebbero tutto negativo o positivo. ”
Puoi cercare ricerche e brevetti di Google sull’analisi dei sentimenti e vedrai che il contesto riguarda la comprensione delle query di ricerca e delle pagine Web.
Non vedrai ricerche che affermano che il sentimento verrà utilizzato per classificare una pagina in base al suo orientamento.
Se le pagine classificate da Google hanno tutte lo stesso sentimento, non dare per scontato che sia per questo che ci sono quelle pagine.
È chiaro dai documenti di ricerca di Google, dalle dichiarazioni di Google e dai risultati di ricerca di Google che Google non consente al sentimento della query di ricerca dell’utente di influenzare il tipo di siti che Google classificherà.
https://www.searchenginejournal.com/does-google-use-sentiment-analysis-to-rank-web-pages/373171/
Google posizionato per dominare “l’economia O2O”

Google che combina i dati di Search Console e Analytics in un unico rapporto
Google sta avvisando i proprietari dei siti di un beta test imminente in cui i dati provenienti da due piattaforme vengono combinati in un unico rapporto.
I proprietari del sito riceveranno un’altra notifica quando il nuovo report sarà disponibile. Google stima che il rapporto sia pronto per alcune settimane dall’avvio.
Se, per qualsiasi motivo, i proprietari dei siti desiderano annullare questa prova, possono scollegare la loro Search Console e le proprietà di Google Analytics.
Ad esempio, è possibile determinare rapidamente se l’aggiunta dello schema di revisione alle pagine dei prodotti ha avuto un impatto misurabile sul traffico.
Potresti anche essere in grado di trovare correlazioni tra le pagine che hanno visto un picco nel traffico di un mese e le parole chiave che il tuo sito ha mostrato più frequentemente durante quel mese.
Come afferma Andrew Girdwood nel suo tweet all’inizio di questo articolo, un rapporto integrato può rendere più semplice vedere quali parole chiave potrebbero indirizzare il traffico verso quali pagine.
Ci sono ancora molte incognite a questo punto, poiché Google non ha fornito alcuna informazione su questa funzione oltre a quanto contenuto nell’email iniziale.
Per quanto riguarda il periodo di prova, non sappiamo se sarà limitato a un pubblico selezionato o se tutti avranno l’opportunità di partecipare.
Sospetto che impareremo di più nelle prossime settimane mentre Google si avvicina all’avvio del rapporto integrato.
Nel frattempo, se le notifiche e-mail sono disabilitate, assicurati di controllare il tuo centro messaggi in Search Console per evitare di perdere dettagli importanti.
https://www.searchenginejournal.com/google-combining-search-console-analytics-data-into-one-report/372952/
https://searchengineland.com/google-tests-showing-analytics-data-in-search-console-with-insights-336835

La creazione di contenuti di LinkedIn è aumentata del 60% rispetto allo scorso anno
Gli utenti di LinkedIn stanno creando molti più contenuti quest’anno, secondo un’intervista con il direttore del marketing dei consumatori dell’azienda.
LinkedIn evidenzia in particolare picchi di coinvolgimento in articoli che menzionano i seguenti argomenti:
Business continuity (up 144%)
Cloud services (up 78%)
Video streaming (up 71%)
Cybersecurity (up 66%)
Remote working (up 52%)
Virtual reality (up 50%)
Software (46%)
Gli hashtag #Marketing e #Leadership si posizionano tra i primi cinque hashtag su LinkedIn ad aprile 2020.
Per quanto riguarda le piccole e medie imprese, i seguenti argomenti generano il maggior coinvolgimento:
Start-up strategies
Capital raising
Business
Funding
Small business

Google posizionato per dominare “l’economia O2O”
Spesa offline con influenza online. La maggior parte degli esperti di marketing ha sentito una dichiarazione simile a questa: “Circa l’80% del reddito disponibile negli Stati Uniti viene speso entro 10-20 miglia da casa”. Si scopre che questo è buon senso ma non radicato in alcun singolo set di dati o studio. Si potrebbe fare un’analisi approfondita dei dati di spesa dei consumatori statunitensi e probabilmente si giungerebbe alla stessa conclusione. Ma è in gran parte apocrifo.
Tuttavia, nel 2017, Access Development ha condotto un sondaggio che ha rilevato che “oltre il 90% dei consumatori effettua la maggior parte degli acquisti entro 15 minuti da casa o dal lavoro”. Ciò include cose come carburante, generi alimentari, cibo, cura personale, casa e giardino, intrattenimento e shopping al dettaglio.
I blocchi di COVID hanno costretto molti di questi acquisti online e l’e-commerce è cresciuto di tre cifre in molte categorie. La spesa per e-commerce negli Stati Uniti nel 2019 è stata di circa $ 600 miliardi. Ma la quantità di spesa dei consumatori influenzata o influenzata in qualche modo da Internet è circa 20 volte maggiore di quella.
ROBO e BOPIS. Il PIL degli Stati Uniti era di circa $ 21 trilioni nel 2019 (sarà meno quest’anno). Circa il 70% di questo è guidato dalla spesa dei consumatori. Secondo numerosi studi, circa l’81% di tutti gli adulti statunitensi (90% degli utenti di Internet) conduce ricerche online prima di acquistare oggetti a livello locale. Ciò include la ricerca di prodotti, ricerche su telefono e indirizzi, recensioni di consulenza e così via. Ciò suggerisce che circa $ 12 trilioni di $ 21 trilioni nell’attività economica degli Stati Uniti sono in qualche modo toccati o direttamente influenzati da Internet. Questo comportamento è spesso chiamato “ROBO” o “ROPO”: ricerca online, acquisto / acquisto offline.
Il coronavirus sta consolidando i comportamenti di acquisto online e sta portando nuovi acquirenti online. Nel primo trimestre del 2020, Target ha dichiarato di aver visto cinque milioni di nuovi acquirenti Target.com. Ma il 40% di queste persone acquista online e si ritira nel negozio o sul marciapiede. BestBuy, nello stesso periodo, ha registrato una crescita dell’e-commerce del 250% con il 50% di quegli ordini ritirati presso il negozio locale. Questo modello ibrido “BOPIS” sarà sempre più diffuso e i rivenditori che potranno farlo bene prevarranno di conseguenza.
Google Maps si rivolge all ‘”imbuto completo”
Da online a offline: quasi 12 trilioni di dollari di attività economica offline sono probabilmente influenzati da Internet.
Google Maps il “fulcro digitale”. Si potrebbe chiamare Google Maps il “fulcro digitale” dell’attività O2O. E Google My Business è la sua principale fonte di dati locale. Sebbene la società non acquisisca tutte le attività di O2O, una percentuale significativa della ricerca online che porta a acquisti offline passa attraverso Google. Google Maps è una sorta di “UI per il mondo reale”.
Ma non è solo un posto dove cercare orari di apertura o informazioni di contatto. Google Maps può affrontare la “canalizzazione completa”, dalla scoperta alla considerazione e alle transazioni. Negli ultimi anni Google ha aggiunto sempre più strumenti di conversione a Maps: prenotazione / prenotazione, richieste di preventivi, ordinazione di cibo e messaggistica. Questi strumenti transazionali risolvono molteplici problemi:
Riducono la “perdita” quando qualcuno fa clic su un sito Web non valido che non riesce a chiuderlo.
Offrono valore ai consumatori e rafforzano l’utilizzo.
Dimostrano in particolare il valore della piattaforma per le PMI.
Aiutano a convertire le PMI in inserzionisti.
Google monetizza alcune transazioni sulla piattaforma ma la maggior parte delle sue entrate proviene ancora da annunci PPC. L’acquisizione e la fidelizzazione degli inserzionisti delle PMI è stata costosa e stimolante per Google nel corso degli anni. Le quote di abbonamento SaaS offrono una potenziale interessante risposta a tale sfida. Pensavo che l’agente virtuale CallJoy fosse un modello di servizi premium per Google; tuttavia viene chiuso. Tuttavia, G Suite è un esempio di un prodotto SaaS SMB di successo che potrebbe generare più di tali offerte in futuro.
Guardando avanti. Il futuro della ricerca locale è un’esperienza molto più diversificata e distribuita rispetto al suo passato. Oltre alla tradizionale query di testo in una casella, comporta più contenuti visivi, realtà aumentata (AR) e voce. Strumenti come Google Lens o “cerca per foto” e la ricerca di immagini consentono ai consumatori di utilizzare input diversi per accedere alle informazioni e fare acquisti. E l’AR prenderà in considerazione maggiormente la ricerca locale nel tempo, poiché più contenuti digitali vengono sovrapposti al mondo reale.
Infine, la voce diventa l’interfaccia utente principale per i nuovi dispositivi e categorie, dall’hardware smart-home basato su assistente virtuale ai sistemi di bordo. Non si tratta sempre di “ricerca”, ma spesso lo è. E dietro tutto c’è l’apprendimento automatico e, sempre più, l’intelligenza artificiale.
In breve, i mondi digitale e fisico stanno diventando sempre più integrati e Google si è inserito come mediatore centrale di quelle esperienze – il cui valore commerciale è molte volte maggiore del commercio elettronico – con una crescente enfasi sul completamento delle attività e sulle transazioni.
https://www.mklnd.co/mbrMkUC

Google espande le superfici organiche attraverso l’inventario di Google alla ricerca
Inoltre, alcune prime statistiche sull’effetto delle inserzioni gratuite su Google Shopping.
Ginny Marvin il 29 giugno 2020 alle 14:02
DI PIÙ
In seguito alla significativa mossa di portare schede di prodotti gratuite nei risultati della scheda Shopping di Google ad aprile, Google sta iniziando a estenderle ai principali risultati di ricerca. La società ha annunciato lunedì che le schede di prodotto nei pannelli della conoscenza di ricerca ora saranno tutte organiche e incluse nell’inventario di Superfici su Google.
“Volevamo assicurarci che, quando i consumatori passano drasticamente all’e-commerce, stiamo facendo tutto il possibile per consentire ai consumatori di trovare facilmente tutti i migliori prodotti di tutti i migliori venditori”, ha affermato Bill Ready, presidente di Google di commercio che è entrato a far parte dell’azienda da PayPal a dicembre, in un’intervista venerdì.
Cosa c’è di nuovo. Gli elenchi di prodotti che compaiono nei pannelli di conoscenza del prodotto quando gli utenti cercano elementi specifici ora saranno tutti annunci gratuiti e organici. Questi elenchi sono attualmente tutti sponsorizzati.
I pannelli di conoscenza del prodotto vengono in genere attivati ​​quando un utente cerca un prodotto specifico. Google ha iniziato a mostrare schede di prodotti a pagamento in questi pannelli nel 2017. Ora saranno tutti biologici.
I clic da elenchi gratuiti nei pannelli di conoscenza del prodotto verranno riportati in “Risultati del prodotto” in Google Search Console.
Come per gli elenchi gratuiti in Shopping, questo sarà attivo negli Stati Uniti per iniziare e verrà implementato prima su dispositivi mobili, quindi su desktop.
Pronto ha detto a Search Engine Land che entro la fine di quest’anno verranno rilasciate inserzioni gratuite su Shopping a livello globale.
https://marketingland.com/google-expands-organic-surfaces-across-google-inventory-to-search-280191
https://www.searchenginejournal.com/google-shopping-ads-are-free-to-display-in-main-search-results/373263/

Come funziona Tinder: l’algoritmo segreto dell’amore
Il confinamento, non solo ci ha portato a cuocere torte o a praticare più sport, ma c’è stato anche un boom dei download per flirtare e nella vendita di prodotti erotici. Secondo uno studio condotto da Smartme Analytics e che ha coinvolto oltre 8.000 persone, tra i minori di 35 anni, l’uso di Badoo ha registrato un aumento del 52%; Wapo 35%; Grindr’s 24%; e Tinder 94%. D’altra parte, tra gli over 35, invece di aumentare, i numeri sono precipitati, scendendo fino al 38% in casi come Grindr o Tinder.
L’applicazione di incontri online per eccellenza, Tinder, rivela che da quando è stato decretato lo stato di allarme, le conversazioni tra le partite hanno aumentato la loro durata del 26% e anche il numero di messaggi per membro è aumentato, in questo caso del 30%. In effetti, la Spagna è uno dei paesi europei in cui questa piattaforma viene maggiormente utilizzata, seguita da Italia, Francia e Regno Unito.
Tinder, la piattaforma “per incontrare persone”
Oggi ci concentriamo sulla piattaforma Tinder per parlarvi di una delle più grandi indagini condotte sull’azienda. Per farci entrare nel contesto, Tinder è, come spiegato sul proprio sito Web “l’applicazione più popolare per incontrare persone”. E si presentano così “pensa a noi come al tuo compagno fidato, ovunque tu vada, noi saremo lì”. Se sei qui per incontrare nuove persone, espandere la tua rete di contatti, avvicinarti alla gente del posto quando viaggi o semplicemente perché ti piace vivere la vita, sei nel posto giusto «.
E riguardo al suo funzionamento, cosa sappiamo? Ecco come lo descrivono sul loro sito Web: «coincide. Chiacchierare. Resti. Usare Tinder è facile e divertente: basta scorrere a destra se ti piace qualcuno o a sinistra se passi. Quando qualcuno ti corrisponde, è una partita! Abbiamo inventato un sistema in cui una corrispondenza viene raggiunta solo quando l’interesse è reciproco. Senza stress. Senza rifiuto. Devi solo selezionare i profili che ti interessano, chattare online con le tue partite, quindi mettere da parte il telefono per incontrarli di persona e costruire qualcosa insieme «. Questa è la versione ufficiale, la versione più superficiale, ma oggi esamineremo un po ‘di più per vedere come funziona l’applicazione “con la più grande comunità di single al mondo e la più calda!”.
Judith Duportail e “L’algoritmo dell’amore”
La storia inizia con la prestigiosa giornalista francese Judith Duportail come protagonista. A 28 anni, Judith ha rotto con la sua compagna e dopo la pausa amorosa, ha iniziato un nuovo corso: è tornata in palestra e sì, è tornata a Tinder. Ed è anche spiegato sulla quarta di copertina del suo ultimo libro «L’algoritmo dell’amore«:
«Dopo un primo momento di euforia e corsa all’ego quando le partite linkso collegamenti, nel gergo di Tinder― accadono una dopo l’altra, Judith scopre qualcosa di inaspettato che la sconvolge e alimenta la sua curiosità in egual misura: l’app fornisce e salva Nascosta sul tuo server è una “nota di desiderabilità” per ogni utente. L’incapacità di accedere a questa nota ti farà intraprendere un’indagine al fine di scoprire come funziona davvero l’applicazione, quali informazioni private e sensibili ogni utente ha e quale uso ne fanno, e allo stesso tempo scoprire anche quanto sia desiderabile. ».
Abbastanza sicuro, un giorno si imbatté in un articolo pubblicato sul portale Fast Company intitolato “I Regret Avendo scoperto il mio punteggio di desiderabilità segreto su Tinder” in cui un giornalista ha raccontato come, per caso, parlando con Sean Rad, il fondatore e CEO Da Tinder, è venuto a sapere che nell’applicazione tutti hanno un “ELO”, un numero che segna la loro desiderabilità. Questo indicatore non è un semplice indicatore di bellezza o qualcosa di specifico, ma è un sistema complesso per valutare la desiderabilità di un profilo considerando un’ampia varietà di fattori.
800 pagine dei tuoi segreti
Judith, dopo averlo letto, ha deciso di indagare ulteriormente su questo argomento, quindi ha scritto alla società per richiedere informazioni sull’algoritmo della piattaforma per capire quali informazioni avevano su di esso e come lo hanno usato. È stato facile? No, quindi dopo varie richieste senza risposta, ha deciso di presentarsi ufficialmente come giornalista e di farlo insieme a Paul-Olivier Dehaye, un noto attivista per la privacy, e Ravi Naik, un avvocato per i diritti umani.
“Ho ricevuto circa 800 pagine con informazioni come i miei Mi piace su Facebook, le mie foto su Instagram, i miei studi o la fascia di età degli uomini a cui ero interessato”, ha spiegato Judith.
Nel 2017, la giornalista ha pubblicato questo articolo su The Guardian spiegando come Tinder ci conosce praticamente meglio di noi stessi (e quasi, meglio delle nostre madri!) E raccogliendo ciò che sta dietro questa informazione e quale uso potrebbe farne lei in caso di violazione o vendita. Perché inoltre, le informazioni sono ovviamente integrate da tutto ciò che raccolgono da noi sulla piattaforma Tinder stessa.
Analizzano, ad esempio, quante volte ci colleghiamo, che tipo di persone sono interessate a noi, quali parole usiamo o quanto tempo le persone trascorrono sulla nostra foto prima di vedere il prossimo candidato. E no, non è che Tinder faccia così tanti sforzi per trovare il nostro vero amore, è che tutto ciò ci aiuta anche a trascorrere del tempo sulla piattaforma e migliorare il marketing dei suoi spazi pubblicitari. Questo è un affare.
Che livello di desiderabilità hai?
Il nostro protagonista non si è fermato qui. Ha continuato a ricercare questo argomento perché voleva approfondire l’effettivo funzionamento dell’algoritmo che classifica gli utenti all’interno della piattaforma. E questo costa già di più, quindi ha dovuto provarlo in diversi modi: ha cercato un supporto influente, si è lamentato con le autorità di protezione dei dati, …
Nonostante non sia stato in grado di ottenere tutte le informazioni dettagliate che stava cercando, ha verificato che la piattaforma fosse basata sul ranking ELO, come scoperto all’inizio. Questo livello viene assegnato a ciascun individuo in base alla cronologia dei risultati e viene utilizzato nelle classifiche per tornei come FIFA. FIFA? Ma cosa c’entra? Scaviamo un po ‘più a fondo.
La classifica ELO
ELO, quel misterioso “punteggio di desiderabilità”, sottrae punti se un utente popolare su Tinder ti rifiuta o se una persona con un profilo “mal posizionato” ti corrisponde. Se lo capisci: se la persona che ti corrisponde è una persona popolare e con un livello elevato, aggiungi punti, ma se quella persona non è popolare e ha un livello basso e ti ignora, sottrai punti. Tra l’altro.
Inoltre influenza il genere degli utenti e la loro età. «Tinder si riserva la possibilità di valutarci in modo diverso rispetto agli uomini e tutto ciò che è nel brevetto porta alla partita uomini che sono in qualche modo dominanti sulle donne: in termini di denaro, istruzione o età «, Spiega l’autore in questo video di Loopsider. E, secondo il giornalista, l’algoritmo favorisce l’incontro tra uomini più anziani e giovani donne, proseguendo con il tradizionalismo di ruolo di genere «con il quale l’attrattiva viene misurata in base al loro genere e alla differenza di età dal loro opposto per offrire punti oltre agli uomini e alle giovani donne più grandi «.
E come riescono a farlo? Quali altri aspetti influenzano? Qui entra in gioco Rekognition, un sistema di intelligenza artificiale creato da Amazon, in cui le foto vengono riconosciute e classificate. Attraverso questa identificazione e la successiva analisi dei dati ottenuti, Tinder può stimare aspetti come il QI degli utenti o il loro stato emotivo generale.
Inoltre, collegato a quanto precedentemente commentato sulle informazioni raccolte da Tinder, per analizzare questi aspetti, considera anche cose come il numero medio di parole che usiamo per frase o quante parole con più di tre sillabe scriviamo. “Le persone con lo stesso livello di attrattiva hanno maggiori probabilità di capirsi”, riconoscono nel loro brevetto.
Tinder sceglie per te (e per tutti i tuoi colleghi)
E nel caso in cui tu sia interessato a indagare di più su questo argomento, il libro di Duportail “L’algoritmo dell’amore” spiega in dettaglio tutte queste indagini e si conclude con un’intervista con Sean Rad, di Tinder. È uno studio per conoscere l’intestino di Tinder, che, insieme a molte altre aziende come la mitica rete di Facebook, ci mette in discussione e riflette sull’approccio e il funzionamento di questo tipo di piattaforma e sull’uso dei nostri dati personali.
E come conclude il giornalista, «Tinder decide per me chi posso incontrare, tocca

Cómo funciona Tinder: el algoritmo secreto del amor

Google vuole fare pace con i media, e pagherà gli editori per creare una nuova esperienza su Google News e Scoprire
Australia, Brasile e Germania saranno i primi mercati a testare il nuovo programma di licenza “contenuti di alta qualità

Google pagará a redactores para crear contenido de alta calidad y generar una nueva experiencia en Google News


https://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2020/06/26/news/google_paghera_per_notizie_di_qualita_-260244049/?rss

Microsoft sospende la spesa pubblicitaria a livello globale su Facebook e su Instagram.

Microsoft sospende l’advertising su Facebook a livello globale

TripAdvisor, Yelp e altri mettono in evidenza la sicurezza del luogo, in quanto diventa un nuovo fattore decisionale per i consumatori
https://searchengineland.com/tripadvisor-yelp-and-others-highlight-venue-safety-as-it-becomes-a-new-consumer-decision-factor-336848

Cerchi la fonte originale di un’immagine online? Ecco la tua guida completa per invertire la ricerca di immagini su tutti i principali motori di ricerca.
https://www.searchenginejournal.com/reverse-image-search-complete-guide/370012/

YouTube vuole fermare l’ascesa di TikTok e testa i video da 15 secondi

YouTube vuole fermare l’ascesa di TikTok e testa i video da 15 secondi

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email